Buone notizie per gli albergatori dai viaggi business in Italia

Buone notizie per gli albergatori dai viaggi business in Italia

posted in Dossier on by with No Comments

Per i viaggi business i manager risparmiano sulle trasferte ma non sugli hotel.

Puntare sulla clientela dei viaggi business sembrerebbe essere, infatti, una scommessa vincente. Uno studio condotto da HRS dedicato ai viaggi business e alle abitudini di chi li compie sembrerebbe portare news positive per gli albergatori italiani. Se, infatti, la crisi ha colpito tutte le categorie, sembrerebbe non aver inficiato sulle scelte dell’alloggio per chi fa viaggi business, ossia per quei manager, imprenditori e dirigenti costretti a viaggiare per lavoro. Sebbene, infatti, si sia registrato un generale abbassamento delle spese dedicate ai viaggi, i viaggi business sembrano essere in controtendenza: i risparmi che sono stati registrati, sono da evidenziarsi sui trasporti e non sulla fascia dell’hotel o sulle comodità. Lo studio di HRS che ha visto coinvolti un centinaio di manager italiani, infatti, coloro i quali effettuano viaggi business sono disposti a rinunciare alla business class nei trasferimenti, ma solo il 5% è disposto a dormire in alberghi di categorie inferiori al 4 stelle. Il 75% ha dichiarato di accettare pernottamenti solo in alberghi 4%, mentre il 20% sono in 5 stelle. Da sottolineare anche la durata media della trasferta per un viaggio business: ben 2 giorni e mezzo. In Italia le città più gettonate sono Roma, Milano, Firenze, Torino e Genova, mentre nel mondo Miami, New York, Mosca, Dubai e Londra. Fra uomini e donne chi ama di più effettuare viaggi business sono i primi: l’85% degli uomini, infatti, apprezzano viaggiare per lavoro, contro il 15% delle donne.

Per chi volesse attrarre questa categoria di viaggiatori, ecco qualche consiglio: il 12 % richiede il servizio di tranfer da e per l’aeroporto, il 18% la possibilità di usufruire della spa o della palestra, il 17% vuole il wi-fi, mentre il 18% richiede un servizio ristorante e bar disponibile fino a tarda notte. A contare meno, invece, sembrerebbero essere fattori quali il costo della camera, la distanza dell’hotel dal luogo della riunione e la possibilità di effettuare l’early check-in.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.