Abbassare le spese: il sogno degli albergatori!

Abbassare le spese: il sogno degli albergatori!

posted in Dossier on by with No Comments

E’ possibile abbassare le spese aumentando i guadagni?

Le spese sono la preoccupazione di qualsiasi persona, sia un imprenditore sia un padre di famiglia, e ridurle è uno degli obiettivi che ci si pone. Il primo passo da fare è quello di evitare le spese superflue, inutili, focalizzandosi su quelle indispensabili e sul miglioramento delle prestazioni del proprio staff.

Imparate dal passato e guardate avanti

L’andamento del mercato nell’anno precedente è molto importante per stilare previsionali efficaci che possano fornire un aiuto concreto per prevedere le attività a lungo termine e fare una previsione di spesa futura. Sono fondamentali per revenue manager, ma anche per tutto il resto dello staff, perché, una volta condivise, permettono di gestire al meglio le risorse disponibili, evitando sprechi e spese inutili.

Apprezzate i vostri dipendenti

L’obiettivo principale di un hotel è che il cliente sia soddisfatto, produca recensioni positive e ritorni nella struttura. Per ottenere questo risultato, però, è indispensabile che i servizi siano al top così come il personale che si deve dimostrare professionale e disponibile. E’ importante, quindi, guardare ai dipendenti come a una preziosa risorsa, non come spese da sostenere ogni mese, condividendo con loro preoccupazioni, rapportandosi con loro e prendendo spunto dalle loro idee. Spronateli a trovare soluzioni economiche a un problema, a gestire le emergenze con discrezione e in maniera efficiente, per risparmiare e migliorare la propria reputazione.

Individuate il giusto mercato per il vostro hotel

Analizzando l’andamento delle vendite dell’anno precedente, cercate di capire se il mercato in cui vi siete posizionati sia ottimale per la vostra struttura o meno. Scegliere il segmento di mercato corretto, infatti, vi permetterà di ottimizzare le spese di marketing capendo dove andare a puntare e rendendo più efficaci le campagne. Capire il comportamento dei propri clienti, su quali canali sono più presenti, la loro propensione di spesa, la frequenza e la durata del soggiorno, infatti, vi permetterà di fidelizzarli e attirarli maggiormente, anche nei periodi di bassa occupazione.

Ottimizzate lo staff

Non tenete poco personale anche nei periodi di alta stagione, perché se da una parte questo vi permetterà di abbassare i costi dei dipendenti, dall’altro lato potrebbe causare disagi e servizi scadenti che a loro volta comporteranno clienti insoddisfatti e recensioni negative.

Capite il livello motivazionale dei vostri clienti

Insegnate al vostro staff a fare upselling (offrire in vendita un ulteriore servizio) piuttosto che upgrading (regalare questo servizio). Tramite l’analisi del vostro mercato, inoltre, dovreste essere in grado di capire quanto un cliente sia o meno disposto a spendere per un servizio o per una camera di qualità superiore. Inoltre la differenza tra le tariffe delle camere dovrebbe essere minore nei periodi di bassa affluenza e maggiore durante l’alta stagione.

Analizzate bene il ROI

Capire bene da dove vengono le maggiori conversioni permetterà di indirizzare in maniera più efficace le spese, andando a investire su canali che portano effettive prenotazioni rispetto a quelli che ne generano in minor numero.

Realizzate i sogni dei vostri clienti

Stimolate in ogni fase l’acquisto dei vostri futuri ospiti, invogliateli a prenotare servizi aggiuntivi durante la pianificazione del viaggio, come, per esempio, il transfer dall’aeroporto al vostro hotel, oppure fate upselling rispondendo a una recensione; analizzate sempre quello che il cliente dice all’atto della prenotazione: per esempio se vi dice che viene per festeggiare il compleanno della moglie offritegli un servizio di champagne e fragole in camera oppure proponetegli una cenetta a lume di candela.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.