10 partecipanti per 10 obiettivi diversi

10 partecipanti per 10 obiettivi diversi

posted in Dossier on by with No Comments

HubSpot e i 10 tipi di partecipanti ai congressi

L’agenzia di web marketing HubSpot ha identificato 10 tipologie di partecipanti alle conferenze che assistono agli eventi con obiettivi diversi. Soddisfarli tutti è molto difficile, ma un bravo organizzatore non può esimersi. Ecco, allora, qualche suggerimento per identificarli e cercare di soddisfarli.

 Chi non manca mai tra i partecipanti è il festaiolo, ossia chi va ai congressi solo per approfittare di buffet e pasti gratis e divertirsi.

Esistono, poi, tre partecipanti che sono molto simili tra loro: il networker, il cercatore di business e il venditore. Il primo è una persona che partecipa agli eventi con la speranza di conoscere nuovi professionisti nel proprio settore; solitamente è quella persona che approfitta delle pause per conoscere quante più persone possibili e distribuire i propri biglietti sa visita. Anche l’intento del cercatore di affari partecipa agli incontri per trovare nuove opportunità per la sua azienda e stringere nuove partnership. Anche il venditore approfitta delle pause per stringere relazioni e  conoscere nuove persone a cui vendere i propri servizi e prodotti.

Come il venditore che cerca di proporre i suoi prodotti o servizi, il cercatore di lavoro, invece, prova a vendere se stesso, cercando, inoltre, di capire quali siano i ruoli a cui può essere maggiormente interessato (se alle prime armi) oppure stabilendo contatti e consegnando il suo curriculum vitae.

Lo studioso, invece, è come una spugna: partecipa ai convegni per assorbire quante più informazioni possibili; per farlo si porta dietro tablet, computer portatili, block notes, per non perdersi nemmeno un dettaglio.

Tra i partecipanti vi è anche l’innovatore: questa tipologia partecipa agli eventi per prendere ispirazione per il proprio lavoro.

Come per le celebrità esiste anche il fanatico, ossia quelle persone che vogliono parlare e incontrare personalmente gli oratori e che hanno già provato ad approcciarli prima del convegno, tramite i social, pubblicando post in cui taggano gli speakers, sperando nella loro considerazione e in una loro risposta.

Vi è, poi, il partecipante insegnate, ossia colui che partecipa ai convegni e che, una volta tornato in azienda, riporterà gli insegnamenti appresi ai suoi colleghi.

Tra i partecipanti, infine, non può mancare la spia, cioè quella persona che assiste ai convegni per tenere d’occhio la concorrenza, analizzandone le mosse e, quindi, studiando un piano d’azione appropriato per la propria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.